Apertura stereo di un brano: come aumentarla (10 consigli e trucchi)


Un uso creativo del campo stereo e il suo bilanciamento può, in tantissimi casi, essere il fattore che può dare la marcia in più alle vostre produzioni.
Non solo questo migliorerà l’esperienza dell’ascoltatore, ma può aiutare ad aggiungere chiarezza e spazio ai vostri brani e a renderli più professionali.
Ecco un po’ di consigli per aiutarvi in questa operazione.

Risolvi innanzitutto i conflitti di frequenza
Quando ci sono più parti musicali che suonano contemporamente, ci sarà sempre un’effetto di mascheramento delle frequenze. Il panning è la soluzione più semplice per ridurre questo effetto.

Sistema la risposta dell’ambiente acustico in cui effettui il missaggio.
Un ambiente di ascolto povero può gravemente compromettere la tua capacità di giudizio e la facoltà di prendere decisioni con affidabilità. La risposta acustica della sala svolge un ruolo cruciale. Se pensi che gli speaker, che devono essere di buona qualità. non diano una risposta veritiera, studia attentamente la loro collocazione e intervieni sulla sala.

Controlla in cuffia
Questo ti darà una visione critica di come le cose si muovono nel dominio stereo, molto spesso in maniera più immediata rispetto agli speaker.

Attenzione all’effetto Haas
L’effetto Haas (due istanze di uno stesso suono che appare sui canali sinistro e destro a distanza di pochi millisecondi) può potenzialmente essere problematico a causa delle transienti ritardate – queste possono scontrarsi con le altre parti del mix. Una soluzione a questo effetto collaterale indesiderato è quello di aggiungere uno “strato di suono”, un layer (ad esempio, una parte synth con contenuto in frequenza simile, suonato all’unisono) senza alcun ritardo applicato.

Tieni le parti basse in mono
Vedrai (o meglio sentirai) in genere che un mix diventa più compatto quando tutto di sotto dei 200Hz (circa) è mono.

Fai spazio
Puoi provare a fare spazio a una nuova parte automatizzando l’ampiezza stereo del suono che la precede nell’arrangiamento, magari rendendolo più ampia e poi più morbido subito prima dell’entrata della nuova parte.

Centro dell’attenzione
Far “saltare fuori” una parte specifica utilizzando una ampiezza stereo molto elevata funziona meglio se questa è supportata da un solido layer/sostegno mono.

Usa suoni simili
A volte si possono usare patch di sintetizzatori diversi ma i cui suoni siano molto simili. Le differenze nell’ architettura dei synth e delle armoniche emesse dovrebbe garantire ampiezza stereo.

Consiglio per la batteria: aggiungi layer
Può essere difficile allargare un suono di drum senza rovinare il suo punch, quindi considera l’utilizzo di layer da mettere sopra il suono originale, piuttosto che cercare di allargare un singolo campione. Ad esempio un solido rullante mono potrebbe essere “stratificato” con un clap stereo.

Controbilanca l’equalizzazione
Ogni volta che si hanno due suoni percussivi stratificati per ottenere maggior spessore, è possibile aggiungere facilmente ampiezza utilizzando un EQ stereo. Incrementa una frequenza fondamentale su un layer sul canale sinistro mentre tagli la stessa frequenza sul secondo layer. Sul canale destro poi fai il contrario, ossia taglia la frequenza sul primo layer e incrementala sul secondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *